Stagione di Prosa 2018/2019 - Rassegna L'Altro Teatro

Link
Data: 
Mercoledì, 14 Novembre, 2018 - 20:30 to Giovedì, 11 Aprile, 2019 - 20:30

Stagione di Prosa 2018/2019
Rassegna L'AltroTeatro
Cosenza - Teatro "A. Rendano"

Dettagli: 

Mercoledì 14 novembre, ore 20.30, si alza il sipario sulla "Rassegna L'AltroTeatro" sul palco dello storico Teatro A. Rendano. Finanziato dalla Regione Calabria, quale evento storicizzato- sull'avviso pubblico per la selezione e finanziamento di interventi per la valorizzazione del sistema dei beni culturali, la qualificazione e il rafforzamento dell'offerta culturale- vede, inotre, il supporto dell'Amministrazione comunale di Cosenza. Organizzato dalla società "L'AltroTeatro" guidata dal gruppo di operatori del mondo dello spettacolo locale: Enzo Noce, Giuseppe Citrigno e Gianluigi Fabiano. Sul palco del Teatro A. Rendano 19 appuntamenti all'insegna della grande drammaturgia senza dimenticare, però, il divertimento e il puro spettacolo. Prosa, dai grandi classici agli autori contemporanei e poi, commedie e musical, questi gli ingredienti del cartellone ideato da "L'AltroTeatro".
Presentato il programma, questa mattina, nel Salone di rappresentanza di Palazzo dei Bruzi. Al tavolo della conferenza stampa, insieme al sindaco Mario Occhiuto, il dirigente alla cultura Giampaolo Calabrese e la delegata alla Cultura del primo cittadino, Eva Catizone, Enzo Noce (direzione artistica "L'Altro teatro"), Giuseppe Citrigno (amministratore unico "L'Altro Teatro") e Gianluigi Fabiano (direzione amministrativa e organizzativa "L'Altro Teatro").
"Siamo contenti di accogliere, per il secondo anno rispetto a un triennio di azione, il progetto di una stagione di prosa che diventa una sorta di interessante connubio tra pubblico e privato - ha dichiarato Calabrese - Si tratta di un investimento reciproco nel quale andiamo a posizionarci a regime nei confronti di una proposta di teatro che è simile o, meglio, pari alla proposta di prosa nazionale italiana. Le date riguardano spettacoli prodotti dalle compagnie di prosa più importanti. Insomma, un teatro che si riempie di vita e dove il Comune è parte attiva".
"Questo cartellone 2018-2019 e tutti gli appuntamenti che sono stati integrati - ha affermato il sindaco Occhiuto - è frutto dell'ottimo lavoro svolto nei mesi scorsi da Jole Santelli, dal dirigente Calabrese, da Eva Catizone e dall'intero staff Cultura. Ringrazio poi, per questa proficua collaborazione tra privati e amministrazione comunale, Enzo Noce, Giuseppe Citrigno e Gianluigi Fabiano perché insieme abbiamo creato una buona start up. Da un impegno tanto positivo, sono arrivati investimenti dedicati, che hanno permesso di ampliare l'offerta culturale".
"L'incontro di qualche anno fa tra il Comune di Cosenza e l'associazione L'Altro Teatro è stato lungimirante e di questo diamo atto al sindaco Occhiuto perché non era facile affidare la gestione del teatro di tradizione a dei privati. Credo che la sua fiducia nei nostri confronti sia stata ben riposta, visto il riscontro di pubblico e apprezzamenti. Rappresentiamo una prova tangibile di ottima sinergia dell'utilizzo del teatro Rendano che, con il nostro cartellone, ha ottenuto il contributo della Regione Calabria per gli eventi storicizzati. Quest'anno abbiamo voluto prolungare la Stagione di Prosa integrandola con delle produzioni locali che meritano visibilità. Il nostro scopo - ha proseguito Citrigno - mira promuovere i nostri talenti e le eccellenze del territorio".
Mercoledì 14 novembre, ore 20.30, l'esordio, dunque, con lo spettacolo "Don Chisciotte della Pignasecca " con Peppe Barra e Nando Paone. Liberamente adattato dal capolavoro di Miguel de Cervantes. Presentato nella riscrittura di Maurizio De Giovanni, già autore di numerosi romanzi e racconti, lo spettacolo è stato diretto dal Alessandro Maggi. Del testo più famoso della letteratura spagnola restano i due protagonisti - l'eroe "senza macchia e senza paura" (Nando Paone) e il suo fedele scudiero Sancho (Peppe Barra) - trasferiti nel contesto della fine della seconda guerra mondiale. È Napoli, e precisamente la zona della Pignasecca, la destinazione del loro vagare: qui, infatti, don Michele Ghigliotti (alias don Chisciotte) è nato e cresciuto, ed è qui che si nasconde un antico tesoro di famiglia, custodito inconsapevolmente all'interno di una locanda. La coppia di viaggiatori non solo incontra i gestori della locanda, ma si imbatte nel loro solo ospite e nelle loro difficoltà quotidiane, compreso un arrogante strozzino che li tiene in pugno con minacce
Giovedì 29 novembre, ore 20.30, sarà la volta di una produzione calabrese "Commedia all'Italiana" di e con Max Mazzotta. La commedia è divisa in tre atti e ci troviamo in un teatro di posa negli studi cinematografici di un'ipotetica Cinecittà. Qui il cast di attori e tecnici pronti per le riprese di un film che vuole sublimare e reinterpretare la "Commedia all'italiana", con la speranza di ridare lustro ad un genere, ora in declino, ma che fu d'esempio per tutto il cinema internazionale. Il compito di ridare sorriso al mondo della celluloide nostrana è affidato al regista sperimentale Tommy Mix, un artista a tuttotondo ben considerato negli ambienti che contano. Il suo unico difetto è nel carattere a volte troppo schietto e poco incline al compromesso.
Domenica 2 dicembre, ore 18.30, la kermesse entra nel vivo con "Bukurosh, mio nipote" ovvero il ritorno de "I Suoceri Albanesi" protagonisti Francesco Pannofino ed Emanuela Rossi. La coppia di celebri doppiatori tornano a vestire i panni di Lucio e Ginevra, lui consigliere comunale progressista impegnato nella campagna elettorale, lei titolare di un ristorante di cucina molecolare. Lucio, Camilla, Corrado e Benedetta sono appena tornati dall'Albania dove Camilla, 17 anni, e Lushan, 18, si sono appena sposati, perché lei è rimasta incinta di lui durante i lavori di ristrutturazione del bagno di casa. Tra battute e situazioni divertenti e imbarazzanti la nuova commedia di Gianni Clementi affronta con leggerezza alcuni temi attuali della società contemporanea: la famiglia multietnica con annessi pregiudizi e relative differenze culturali; le difficoltà della convivenza tra genitori, figli e parenti acquisiti.
Un altro grande appuntamento con la commedia, questa volta un grande classico Mercoledì 12 dicembre "Pensa ci Giacomino", ore 20.30. L'opera pirandelliana con un istrionico Leo Gullotta. Spettacolo scritto nel 1917 dal premio Nobel agrigentino, è tutt'ora di grande contemporaneità. Si affrontano temi come la condizione della donna, il rapporto dello Stato nei confronti dei dipendenti pubblici, nella fattispecie degli insegnanti, le maldicenze del prossimo, il perbenismo dei benpensanti. Il grande attore catanese, si muoverà attraverso grandi giganti, che raffigurano una società che implacabilmente giudica e condiziona la vita.
Giovedì 20 dicembre, ore 20.30, Roberto Ciufoli sarà il protagonista del musical di Natale "A Cristmas Carol". Lo spettacolo, che vanta le musiche originali del compositore statunitense Alan Menken (La Bella e la Bestia, La Sirenetta, Aladdin...), racconta la storia fantastica di Ebenezer Scrooge. Il ricco e avaro uomo d'affari sarà interpretato dall'attore e regista Roberto Ciufoli, che ha sposato con entusiasmo il nuovo progetto della Compagnia dell'Alba. Scenografie firmate da Gabriele Moreschi, la direzione musicale di Gabriele de Guglielmo e la regia e le coreografie di Fabrizio Angelini.
Sabato 12 gennaio, ore 20.30 e domenica 13 gennaio, ore 18.30, è la volta di un'altra brillante commedia questa volta tutta partenopea "Colpo di scena" di e con Carlo Buccirosso. In un classico commissariato di provincia, il vice questore Armando Piscitelli, conduce da sempre il proprio lavoro nel rispetto del più integerrimo rigore. Solo allora, il paladino Armando per la prima volta nella sua vita, cercherà conforto nel tepore degli affetti familiari, trovando così rifugio tra le mura sicure della propria casa di montagna. E come nella più classica e scontata sceneggiatura di una trama thriller, neppure il tepore di un sicuro nascondiglio di montagna potrà sottrarre lo spettatore, ed il povero vice questore, dal più classico colpo di scena finale... Sabato 19 gennaio, ore 20.30 e domenica 20 gennaio, alle ore 18.30 sul palco del Teatro Rendano giungerà Stefano Accorsi con "Giocando con Orlando Assolo". Delle molte storie parallele che si dipanano nell'Orlando Furioso di Ariosto, l'attenzione del regista Marco Baliani si focalizza sulla figura dell'amore fra uomo e donna, in tutte le sue molteplici forme: è proprio l'amore che spinge l'uomo a compiere gesta eroiche e a farlo impazzire se non corrisposto. Donne bellissime, carismatiche guerriere o rosee principesse, ammaliano l'uomo che rischia la propria vita per salvarle, uccide altri uomini ed entra in guerra per averle, sfida gli dei per amarle. Gli epici cavalieri sono come incompleti, cercano costantemente di colmare questa loro mancanza "affettiva" mediante la soddisfazione del loro desiderio, e questa loro caratteristica viene spesso usata per irretirli, come fa Alcina nella sua isola incantata, trasformandoli poi in rocce e piante.
Domenica 27 gennaio, ore 18.30, un'altra produzione calabrese "Il Vangelo secondo Antonio" scritto, diretto e interpretato da Dario De Luca della Compagnia Scena Verticale. Dopo una documentazione sul campo, Il Vangelo secondo Antotonio in scena il 13 e 14 aprile al Nest, racconta di un parroco che, malato di Alzheimer, vive in una realtà parallela per gli altri impenetrabile. Don Antonio, un parroco di una piccola comunità, vicario generale del vescovo, si ammala di Alzheimer. Al suo fianco la sorella, devota perpetua dal carattere rude e un giovane e candido diacono. La malattia colpirà la mente brillante di questo sacerdote e nulla sarà più come prima: i congiunti si muoveranno a tentoni in un terreno per loro sconosciuto, con rabbia, insofferenza e shock. Don Antonio, entrato nella nebbia, inizierà a perdere tutti i riferimenti della sua vita ma allaccerà un rapporto nuovo e singolare con Cristo che porterà avanti anche quando, alla fine, si sarà dimenticato della malattia stessa. Sabato 2 febbraio, ore 20.30, un'altro classico della drammaturgia "Il Misantropo" di Molière con Giulio Scarpati e Valeria Solarino. "Il Misantropo è la storia di un uomo che vuole avere un incontro decisivo con la donna che ama e che alla fine di un'intera giornata non ci è ancora riuscito." Le parole con cui Louis Jouvet riassumeva il capolavoro di Molière, colgono un elemento niente affatto riduttivo e spesso trascurato o messo in ombra a favore del tema politico dell'uomo onesto e sincero in lotta contro la corruzione e l'ipocrisia della società. L'aspetto privato, in questo capolavoro che si muove sempre in equilibrio tra commedia e tragedia, è altrettanto importante dal punto di vista teatrale, di quello sociale, perché ne evidenzia il fattore umano, e dalla corte del re Sole lo porta dritto a noi. Nella sua urgenza di parlare con Célimène, che gli sfugge e evita il confronto, Alceste è un personaggio estremamente moderno. È un uomo che in modo vagamente masochista si ostina ad amare la donna sbagliata, quella che è il suo opposto in tutto. E lo stesso vale per Celimene nei confronti di Alceste, quando dichiara di preferirlo agli altri pretendenti. È proprio la loro differenza la molla che li spinge uno verso l'altra: signora dei salotti lei, intellettuale duro e puro lui, rigido negli scontri filosofici con l'amico Filinte, così assoluto da apparire eroico, e nello stesso tempo ridicolo. Due protagonisti di una commedia amara in cui non è previsto il lieto fine.
Sabato 9 febbraio, alle ore 20.30, arriva un'altra grande interprete sul palco del Teatro Rendano. Claudia Gerini e il Solis String Quartet in "Qualche estate fa". La storia artistica di Franco Califano si è sempre intrecciata, per scelta consapevole, con quella umana, al punto che il personaggio, forse, ha spesso finito con il mettere in ombra l'autore di tanti successi. "Qualche estate fa" prova a riportare in equilibrio le due dimensioni, facendo di alcune canzoni molto amate il punto di partenza per raccontare la vita dell'autore. Tra le canzoni cantate da Claudia Gerini e rese in musica, con arrangiamenti originali, dal Solis String Quartet alcune tra e più famose come "Tutto il resto è noia", "Minuetto", "La musica è finita" e "Un'estate fa". Domenica 17 febbraio, ore 18.30, direttamente dal Teatro Manzoni di Roma "Il giorno della Tartaruga" di Garinei e Giovannini. Una commedia musicale divertente e tenera. Con Cesare Vangeli e Cristina Pensiero. Al centro la crisi della coppia, nell'Italia degli anni del boom. I due protagonisti, oltre ad interpretare Lorenzo e Maria, marito e moglie che litigano dalla prima all'ultima scena, interpretano anche i vari personaggi della storia, offrendo una grande prova di attori; a completare il cast, accanto a loro 4 performers che danno vita ai ricordi della coppia creando atmosfere romantiche, divertenti e a tratti nostalgiche. E poi c'è un altro protagonista: la tartaruga che dà il titolo allo spettacolo. Come da tradizione per i due grandi autori, inserire un vero animale in scena. In fondo la tartaruga simboleggia un modello di vita coniugale: i due protagonisti, proprio come lei, restano chiusi all'interno del guscio della propria casa. Venerdì 22 febbraio, ore 20.30 e sabato 23 febbraio, ore 20.30, l'indimenticabile commedia musicale "Aggiungi un Posto a Tavola" di Garinei e Giovannini. Interpreti sul palco Gianluca Guidi, Emy Bergamo, Marco Simeoli, Beatrice Arnera e Piero Di Blasio. Torna sul palcoscenico Don Silvestro, alle prese con la sua Arca da costruire e la sua favola che parla d'amore, di accoglienza, di vita nuova da inventare. Aggiungi un posto a tavola esordì nel 1974 con protagonista Johnny Dorelli e, da allora, ogni nuova edizione è stata un successo, in Italia come in tutto il mondo (oltre 30 edizioni e circa 15 milioni di spettatori). In quest'ultima versione, il copione è quello originale, così come la scenografia, i costumi e le musiche, riprese dall'iconica prima rappresentazione. Ogni ingrediente è riproposto con rispetto filologico, ma allo stesso tempo con nuova vita e freschezza.
Domenica 3 marzo, un'altra produzione della compagnia calabrese Libero Teatro con "Giangurgolo", ore 20.30. Max Mazzotta non solo si cimenta nella riscrittura del Bardo ma lo mescola con la maschera calabrese di Giangurgolo. Uno spettacolo decisamente esilarante. In assenza di canovacci e trame classiche sul personaggio di Giangurgolo, si potrebbe immaginarlo immerso in un contesto a lui completamente estraneo. E cosa può essere più estraneo alla personalità di Giangurgolo, alla sua cialtroneria e intrinseca non-nobiltà, se non la più nobile delle espressioni teatrali, la tragedia? E quale tragedia è più nobile di quella di William Shakespeare? Può Giangurgolo vestire i panni del più tragico e nobile degli eroi shakespeariani, Amleto? La lettura non può che essere in chiave comico-parodistica ed introduce lo spettatore ai temi della tragedia shakespeariana sfruttando le corde del grottesco.
Mercoledì 6 marzo e giovedì 7 marzo, alle ore 20.30, l'amatissimo musical degli Abba e riproposto in Italia dal Teatro Sistina "Mamma mia" con Luca Ward, Paolo Conticini, Sergio Muniz e Sabrinba Marciano. Forse la più celebre commedia musicale degli anni 2000 che ha strappato applausi in tutto il mondo e ha fatto scatenare il pubblico con le mitiche canzoni degli Abba: a quasi 10 anni dal film con Meryl Streep, arriva in Italia una nuovissima versione che per la prima volta sarà realizzata da una grande produzione tutta italiana, con protagonisti tre attori amatissimi dal grande pubblico. Nel ruolo protagonista femminile la rivelazione del musical italiano Sabrina Marciano (reduce da una clamorosa affermazione nel ruolo della maestra di danza nell'acclamato Billy Elliot) circondata da un cast di oltre 30 artisti. Domenica 10 marzo, ore 18.30, un'altra opera calabrese prodotta dalla Compagnia Arciere e l'Associazione Lilli in "Il dono del male" interpretato da Marco Silani. Il "del Male Male" è la seconda opera della Trilogia Gioachimita di Adriana Toman. Riccardo Cuor di Leone ha iniziato la terza crociata ed è in attesa di imbarcarsi per la Terra Santa è a Messina con Filippo II Augusto Re di Francia, suo alleato, con cui pare avere un rapporto ambiguo. Ha voluto l'Abate Gioacchino da Fiore a corte per avere una profezia sull'impresa. Si scontrano la forza della visione di Gioacchino con la capacità di Riccardo di manipolare la trasmissione degli eventi da parte del potere. Sabato 16 marzo, alle ore 20.30, la commedia brillante "Mostri a parte" con il celebre attore Maurizio Casagrande. Franco, dimenticata rockstar degli anni '80, è sposato con la più giovane Ursula, conduttrice televisiva di grande successo, fervente ammiratrice negli anni d'oro della sua carriera, ma che oggi è la vera "star" di casa. Lui, un artista non particolarmente bravo, ma sincero ed originale, e lei senza grandi capacità, ma priva di scrupoli e bravissima ad approfittare di chiunque per aumentare gli ascolti. Lui completamente fuori luogo nello show business dei giorni nostri, e lei perfettamente inserita nell'effimero mondo della televisione. Lui e lei. Un uomo e una donna, ma in realtà il passato ed il presente che si scontrano in campo neutro: Il teatro. Martedi 26 marzo, alle ore 20.30 e Mercoledì 27, alle ore 20,30 torna la grande tradizone della commedia musicale con "Il Conte Tacchia" con il mattatore Enrico Montesano. Dopo Rugantino e Il Marchese del Grillo, grandi successi applauditi in tutta Italia, Enrico Montesano affronta un altro popolare personaggio romano per chiudere la sua trilogia. Autore della regia e della versione teatrale scritta con Gianni Clementi, Montesano presenta al suo pubblico un'altra appassionante commedia ambientata nella Roma antica dei primi del novecento, tratta dall'omonima pellicola cinematografica di Sergio Corbucci con scene aggiunte che andranno ad integrare la storia. Per la prima volta sul palcoscenico teatrale, il divertente personaggio di Francesco Puricelli prenderà di nuovo anima per far ridere il suo pubblico con la sua comicità e le sue gags. Un cast di valenti attori e di scatenati ballerini animeranno il palcoscenico con costumi d'epoca sulle musiche originali del Maestro Armando Trovajoli e nuove canzoni scritte appositamente per la Commedia dal Maestro Maurizio Abeni.
Giovedì 4 aprile, alle ore 20.30, il teatro civile con "Dietro ai tuoi passi - La Storia di Peppino Impastato". Lo spettacolo che racconta la vicenda di Peppino Impastato considerato uno degli eroi e martiri della lotta alla mafia. A Cinisi, paesino siciliano, cento passi separano la casa di Peppino Impastato da quella del boss locale. Peppino, fin da piccolo curioso, nel 1968 si ribella come tanti giovani al padre. Ma in Sicilia la ribellione diventa sfida allo statuto della mafia. Peppino non cede, battendosi insieme ai suoi compagni contro una cultura mafiosa accettata e coperta. Due giorni prima del voto lo fanno saltare in aria sui binari della ferrovia con sei chili di tritolo. La morte coincide con il ritrovamento a Roma dell'onorevole Aldo Moro, viene rubricata come "incidente sul lavoro" poi, dopo che gli amici mettono a disposizione degli inquirenti molti indizi dell'esecuzione diventa addirittura "suicidio". Quest'allestimento è un atto d'amore verso un personaggio che ha lasciato alla storia e all'Italia stessa una testimonianza esemplare di lotta contro la mafia.
Gran finale giovedì 11 aprile, alle ore 20.30, con il ritorno sul palco del Teatro Rendano di Massimo Ranieri con "Il Gabbiano" di Anton Cecov. Un affascinante incontro fra due protagonisti assoluti del teatro italiano, Massimo Ranieri e Giancarlo Sepe, che per la prima volta insieme metteranno in scena uno dei testi teatrali tra i più noti e rappresentati di sempre: Il Gabbiano di Čechov. Una grande produzione, un allestimento imponente, undici attori in un nuovo e rivoluzionario adattamento di Giancarlo Sepe. La storia di Treplev, scrittore incompreso, del suo amore per Nina, il suo rapporto di odio/amore con la madre Irina, una anziana e famosa attrice, e poi tutti gli altri splendidi personaggi con le loro intense storie scritte magistralmente dal giovane Čechov, rivivranno in questo originale spettacolo. Una pietra miliare del teatro mondiale in una inedita grande edizione.
Un'ultima sezione sarà "Rendano Extra". In scena: Sabatum Quartet Opera (venerdì 12 e sabato 13 aprile ore 20,30); La buona stella del marinaio (favola musicale da Elsa Morante di e con Piero Zucaro con Lalla Esposito; sabato 4 maggio ore 20:30); Crescendo rossiniano (di Adolfo Adamo; venerdì 10 maggio ore 20:30), Alarico-Il Musical (domenica 19 maggio).
Rendano Extra rimarrà una sezione aperta perché - ha precisato Calabrese all'inizio - "alcuni spettacoli arrivano in corsa ed è giusto che una città dia un senso di interezza. Del resto, proprio in questo, consistono gli sforzi di Cosenza Cultura".

Mercoledì 14 Novembre 2018 ore 20,30
PEPPE BARRA e NANDO PAONE
"Don Chisciotte"

Giovedi 29 Novembre 2018 ore 20,30
Mercoledi 28 Novembre 2018 (Matinèe per le Scuole)
MAX MAZZOTTA
"Commedia all'Italiana"
FUORI ABBONAMENTO

Domenica 02 Dicembre 2018 ore 18,30
FRANCESCO PANNOFINO e EMANUELA ROSSI
"Bukurosh, Mio Nipote"
Ovvero il ritorno de "I Suoceri Albanesi"

Mercoledì 12 Dicembre 2018 ore 20,30
LEO GULLOTTA
"Pensaci Giacomino"
di Luigi Piandello

Giovedì 20 Dicembre 2018 ore 20,30
ROBERTO CIUFOLI
"A Christmas Carol"
FUORI ABBONAMENTO

Sabato 12 Gennaio 2019 ore 20,30
Domenica 13 Gennaio 2019 ore 18,30
CARLO BUCCIROSSO
"Colpo di Scena"

Sabato 19 Gennaio 2019 ore 20,30
Domenica 20 Gennaio 2019 ore 18,30
STEFANO ACCORSI
"Giocando con Orlando"

Domenica 27 Gennaio 2019 ore 18,30
Lunedì 28 Gennaio 2019 ore 10,30 (Matinèe per le Scuole)
DARIO DE LUCA
"Il Vangelo secondo Antonio"
FUORI ABBONAMENTO

Sabato 02 Febbraio 2019 ore 20,30
VALERIA SOLARINO - GIULIO SCARPATI
"Misantropo"

Sabato 9 Febbraio 2019 ore 18,30
CLAUDIA GERINI
Qualche Estate Fa
Vita, poesie e musica di Franco Califano

Giovedì 14 Febbraio 2019 ore 10,30 (Matinèe per le Scuole)
Venerdì 15 Febbraio 2019 ore 10,30 (Matinèe per le Scuole)
PINOCCHIO
"Musical Per le Scuole"
FUORI ABBONAMENTO

Domenica 17 Febbraio 2019 ore 18,30
Lunedì 18 Febbraio 2019 ore 10,30 (Matinèe per le scuole)
CESARE VANGELI e CRISTINA PENSIERO
"Il Giorno della Tartaruga"

Venerdì 22 Febbraio 2019 ore 20,30
Sabato 23 Febbraio 2019 ore 20,30
GIANLUCA GUIDI
"Aggiungi un Posto a Tavola"

Domenica 03 Marzo 2019 ore 18,30
MAX MAZZOTTA
"Giangurgolo"
FUORI ABBONAMENTO

Martedì 06 Marzo 2019 ore 20,30
Mercoledì 07 Marzo 2019 ore 20,30
LUCA WARD - PAOLO CONTICINI
SERGIO MUNIZ - SABRINA MARCIANO
"Mamma Mia"

Domenica 10 Marzo 2019 ore 18,30
MARCO SILANI
"Il Dono del Male"
FUORI ABBONAMENTO

Sabato 16 Marzo 2019 ore 20,30
Domenica 17 Marzo 2019 ore 18,30
MAURIZIO CASAGRANDE
"Mostri a Parte"

Giovedì 21 Marzo 2019 (Matinèe per le Scuole)
ETTORE BASSI
"Il Sindaco Pescatore"
FUORI ABBONAMENTO

Martedì 26 Marzo 2019 ore 20,30
Mercoledì 27 Marzo 2019 ore 20,30
ENRICO MONTESANO
"Il Conte Tacchia"

Giovedì 4 Aprile 2019 ore 20,30
Venerdì 5 Aprile 2019 ore 10,30 (Matinèe per le Scuole)
LA STORIA di PEPPINO IMPASTATO
"Dietro i Tuoi Passi"
FUORI ABBONAMENTO

Giovedì 11 Aprile 2019 ore 20,30
MASSIMO RANIERI
"Il Gabbiano"

Informazioni
Info: 
InPrimaFila
Telefono: 
0984 795699

Location