"Rumi e la danza dell'estasi"

Link
Data: 
Venerdì, 28 Aprile, 2017 - 17:00

Jalāl al-Dīn Rumi, il cantore dell'amore divino, fu al tempo stesso uno dei più grandi filosofi musulmani ed il maggiore poeta della letteratura persiana. In nessun altro protagonista della storia del pensiero umano, la filosofia si coniuga con la poesia in modo più completo e mirabile.
Fondatore della Confraternita dei Dervisci Roteanti, asceti mistici che nella loro ricerca dell'estasi che li avvicina a Dio, ruotano a lungo su se stessi in una danza vorticosa, Rumi fu uno dei principali esponenti del Sufismo, la tradizione mistica ed esoterica dell'Islam.
La sua profondità di pensiero, e il meraviglioso incanto della sua poesia, ci consegnano l'immagine di un Islam dalla straordinaria ricchezza culturale, a cui l'Occidente deve un tributo, mai veramente riconosciuto, di ispirazione letteraria e filosofica.
Il pensiero di Rumi trova evidenti corrispondenze con quello dei suoi contemporanei occidentali Francesco d'Assisi e Dante, ma mostra affinità anche con Pitagora, e Platone, e formidabili coincidenze con le intuizioni di moderni pensatori europei quali Einstein e Jung.

Venerdì 28 Aprile, alle ore 17, presso la Casa Editrice Falzea (Viale Calabria, 60), Domenico Rosaci terrà una conferenza dal titolo "Rumi e la danza dell'estasi", nell'ambito del ciclo di conferenze "I Poeti della Filosofia".